venerdì , 15 Novembre 2019
iten
Home » Programmazione » Il progetto stacktrace.it

Il progetto stacktrace.it

Stacktrace.it è un nuovo progetto editoriale, lanciato da Antonio Cangiano, che da alcuni mesi si è affacciato sul panorama della blogosfera italiana. Stacktrace.it è una rivista informatica, ma per la prima volta in vita mia vedo finalmente la possibilità di poter pubblicare articoli non solo di un certo spessore ma anche relativi a temi che non sono considerati 'commercialmente' appetibili, e che molto difficilmente troverebbero collocazione altrove. Il progetto è in realtà molto più ambizioso perché "Stacktrace.it vuole essere un sito che non si limita a scimmiottare i vari blog internazionali, ma che propone contenuti originali di alta qualità che possano informare, istruire, ma soprattutto influenzare la crescita del nostro settore, cronicamente arretrato rispetto al resto dei paesi industrializzati ". Conosco molte delle persone che collaborano al progetto, e devo dire che sicuramente riusciranno se non altro a costruire un punto di riferimento per gli sviluppatori italiani, come hanno già fatto in altri contesti.

Da parte mia ho cominciato a collaborare con Stacktrace.it con una miniserie di due articoli in cui provo a riportare quelle che sono state le mie esperienze su aspetti di management nelle piccole e medie aziende informatiche. Il primo articolo è stato pubblicato oggi, e si intitola "Il management del software nelle microaziende", e vuole dare una serie di indicazioni su quelle che io definisco le "azioni a costo zero ma dai benefici inestimabili" che una microazienda informatica dovrebbe adottare nel processo di produzione.
Commenti come sempre apprezzati, ma ovviamente questa volta sul sito di Stacktrace.it.


Check Also

Breakpoint condizionali durante il debug su STM32

È un esigenza che si verifica molto di frequente quando si lavora con l'hardware, soprattutto …

2 comments

  1. Ciao,

    ho letto il tuo articolo Il management del software nelle microaziende" e l'ho trovato davvero interessante. Tra l'altro mi piacerebbe sapere con che tool realizzi le figure. Ciao, al prossimo articolo.

    Antonio

  2. Ciao Antonio,
    per i diagrammi io da sempre mi affido a Visio di MS (eh si.....) e ad un pizzico di fantasia 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.